Apple dice addio ad Intel per passare a qualcosa di moderno

Apple dice addio ad Intel per passare a qualcosa di moderno

Apple sceglie un nuovo processore per i suoi nuovi MacBook

Apple sceglie di lasciarsi alle spalle ciò che ha fatto parte del suo passato per andare a qualcosa di molto più performante e moderno di Intel. Tra qualche giorno, esattamente giorno 10 novembre si aprirà un nuovo capitolo per quanto riguarda i MacBook.

Avverrà infatti il lancio del primo MacBook che monta un processore diverso da Intel, per realizzare il grande sogno di Steve Jobs: PC potenti, che consumano poca energia e che hanno tanta autonomia. Il massimo che ogni lavoratore vorrebbe avere a propria disposizione. Questa volta diversamente da come è accaduto per l’ultimo modello di iPhone il giorno di uscita sarà rispettato in quanto nonostante la pandemia e tutti i disagi provocati dal covid la società di Cupertino è riuscita a organizzarsi.

Uno schermo da 12 pollici e ram da 8 o 16gb una grande promessa per la tecnologia del futuro

Così Apple ha scelto di presentare in via preventiva il suo nuovo computer, economico rispetto agli altri, $799 per gli studenti e 849 dollari per tutti gli americani che vorranno fare l’acquisto subito. Il nuovo MacBook monterà uno schermo da 12 pollici con tastiera a farfalla e profilo piatto. L’autonomia sarà tra le 15 e le 20 ore di utilizzo, 3 volte maggiore rispetto ai vecchi Apple con sistema con processore Intel.

La RAM ci fa ben sperare in quanto sarà da 8 o da 16 gigabyte in base alle proprie esigenze ma in entrambi i casi il pc sarà velocissimo. La memoria di un terabyte è quel quid in più. Insomma un ottimo inizio che potrà condurre direttamente alla transizione decisiva per la quale però dovrà trascorrere qualche tempo. Molto probabilmente Apple sostituirà il processore Intel su tutti i suoi prodotti in futuro e sarà una vittoria. Intanto ciò che conta è che il primo passo, quello importante è stato già compiuto. Adesso tocca agli amanti della mela esprimere il proprio giudizio in merito.

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *