Magazzino italian Art, si punta soltanto sulla tecnologia per andare avanti

Magazzino italian Art, si punta soltanto sulla tecnologia per andare avanti

Magazzino italian Art, in America, diventa il modello per tutti gli altri che si trovano ad affrontare una situazione organizzativa totalmente nuova.

Dopo il coronavirus e le recenti disposizioni del governo americano, in attesa delle nuove, si riapre adottando delle misure di cautela. I magazzini americani per adesso stanno utilizzando un dispositivo tecnologico che permette di misurare la distanza tra i visitatori. In questo modo sarà più semplice mantenere la distanza di sicurezza o comunque farla mantenere senza essere troppo invadenti.

Ecco come le vite degli americani saranno semplificate mediante la nuova tecnologia

Il magazzino italian Art in questione ha disposto delle nuove regole permettendo ai visitatori di entrare ed uscire rispettando le misure necessarie di distanziamento attraverso la tecnologia. Spesso essendo abituati a vivere senza limiti, senza porsi troppi problemi, si infrangono le regole senza nemmeno rendersi conto. Ecco perché si è pensato di semplificare il tutto attraverso le applicazioni che da oggi in poi faranno parte della nostra vita a 360 gradi.

Le app inserite in magazzino, sono due in particolare. La prima è avanzata, EGOpro Active Tags permetterà attraverso le onde radio di essere più attenti e scrupolosi senza ansia o stress. Basterà indossare il dispositivo in questione per mantenere la distanza consigliata e qualora si dovessero infrangere le regole, l’aggeggio vibrerà e lampeggerà una luce rossa.

Prenotazioni esclusivamente online, questo è il dopo quarantena

L’utente così scoprirà di aver superato la distanza e cercherà di mettersi in sicurezza e mettere chi lo circonda nelle condizioni di poter stare in giro per il negozio senza allarmismi o paura. Inoltre un secondo affare tecnologico aiuterà il magazzino ad effettuare prenotazioni anche on-line.

Molte prenotazioni infatti saranno possibili solo attraverso l’applicazione o comunque sul sito. D’altronde la quarantena per i magazzini e non soltanto ha permesso a molti negozi di lavorare soltanto via internet, quindi perché non farlo adesso nel rispetto delle regole?

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *